Guida e tecniche sul FIMO: Come iniziare

Eccoci qua, ancora non avevo postato dei consigli sul materiale che utlizzo per fare le mie creazioni, visto che molta gente mi fa spesso tante domande, cercherò di spiegare in parte come si lavora il FIMO, a che temperatura si cuoce, che attrezzi usare ecc, ecc.

Esistono due tipi di FIMO, il fimo soft e il fimo classic, io personalmente utilizzo quello soft, da sempre, è molto più facile da lavorare, bastano pochi minuti di manipolazione perchè il materiale diventi molto morbido. Si trova in tutti i negozi di belle arti e ha ormai sostituito il cernit. Se avete difficoltà a trovarlo potete sempre cercare sul web, ci sono alcuni siti che lo vendono a meno di 2 euro il panetto, che in questo periodo, è un ottimo prezzo.




















E' inutile sottolineare che "l'attrezzo" principale per fare dei bei lavori sono le mani, se avete una buona manualità, non esiste attrezzo che tenga, a volte diventano persino superflui. Un buon metodo per iniziare è prendere spunto dalle tantissime foto presenti sul web, sono molto utili...poi sta a voi con impegno, tanta fantasia e costanza ottenere risultati sempre migliori. Prima di inziare a lavorare pulite bene la superficie di lavoro dove andrete ad appoggiare il vostro oggetto, se lavorate a mani nude ricordatevi sempre di lavarvi le mani prima di ogni cambio colore...io personalmente uso i guanti in lattice misura S, quelli professionali che si trovano al supermercato. Una confezione da 100 guanti la pago 4,90 € e durano un bel po' :) Il vantaggio è che non dovete ogni volta perdere tempo a lavarvi le mani, e il lavoro uscirà molto più pulito, quindi li consiglio senz'altro.

esempio attrezzi
















Il FIMO va cotto di regola a 120 gradi per circa 20 minuti, e va usato un normalissimo fornetto elettrico, mi raccomando non il microonde. Ovviamente in rapporto alle dimensioni dell'oggetto la durata di cottura cambia, più piccolo è meno impiega a cuocere. Una regola fondamentale è cercare di riempire di oggetti la teglia del fornetto prima di fare una nuova infornata, soprattutto per ammortizzare i costi di energia elettrica, se ogni volta accendete il forno per un solo oggetto va a finire che vi arrivano bollette astronomiche, e non è bello :)


Io mando in cottura a meno di 120 gradi, preferisco una cottura dolce per non alterare i colori della pasta, soprattutto per i colori chiari, è sicuro che se sbagliate temperatura il bianco si ingiallisca, o appaiano delle macchie scure che vi rovinerebbero irrimedabilmente l'oggetto. Se avete delle domande potete tranquillamente contattarmi o chiedere consigli tramite i commenti all'articolo. :)

A presto.

BUZ






49 commenti:

utente anonimo ha detto...

interessante quello che hai scritto...! ma come si fa a ottenere l'effetto lucido? ma dopo non si deve passare nessun colorante sopra?

alebuz76 ha detto...

ciao.

L'effetto lucido lo ottieni con un prodotto che si chiama Glanzlack della eberhard faber. Si applica a cottura ultimata. :)

utente anonimo ha detto...

Mi sto avvicinando al mondo delle paste sintetiche, e ho una domanda a cui non ho trovato soluzione.
Dato che il Fimo cuoce a 120°C, perchè non cuocerlo in pentola a pressione?.
La pentola a pressione porta la temperatura dell'acqua a 120°C essendo a 1 atm .
Voi avete già provato???
ciao
Daniela

utente anonimo ha detto...

Ciao,volevo sapere se i gancetti metallici delle tue creazioni li hai messi prima o dopo la cottura e in che modo...non si rovina la cromatura in forno???
Grazie Mari

alebuz76 ha detto...

Ciao.

Rispondo a tutti e due.

Per quanto riguarda la cottura con la pentola a pressione, purtroppo non ho esperienze in merito, non so che resa può avere la cottura in acqua...secondo il mio modesto parere l'oggetto potrebbe rovinarsi, poi non so.

Per i gancetti io li inserisco prima di mettere in forno gli oggetti. I gancetti sono fatti con dei chiodini ad occhiello per bigiotteria.
Una volta tagliati della lunghezza desiderata li infili nell'oggetto, per finire metti una goccia di fimo liquido sulla giuntura.

CIAO

utente anonimo ha detto...

Ciao
volevo sapere come si fa a valutare la cottura del fimo;
mi spiego:io ho cotto una serie di oggettini molto piccoli a 100° x 20 min, come faccio a capire se hanno bisogno di ulteriore cottura?a me sembrano venuti bene....
Grazie!

utente anonimo ha detto...

CIAO MI FAREBBE PIACERE SCAMBIARE QUATTRO CHIACCHIERE CON TE ANCHE IO SONO DI CAGLIARI E HO UNA STORIA ANALOGA ALLA TUA SEI BRAVISSIMO!!!LAVORO NEL CAMPO DELL'ARTE.
leyla_76@hotmail.it

utente anonimo ha detto...

 Ciaoooo senti sono anch'io un'appassionata di fimo e vorrei sapere come dare la forma al finmo,...si usano formine o si fa a mano???

alebuz76 ha detto...

 le forme si danno essenzialmente a mano, soprattutto quando devi fare piccoli animaletti. Se poi ti limiti a realizzare cuori, fiori o forme regolari...usa le formine :)

Ciao

utente anonimo ha detto...

ciao ho letto il blog dev essere molto brava senti potresti aggiungermi su msn,avrei delle delucidazioni da kiederti..grazieee 1000 marialuisa_r@hotmail.it

alebuz76 ha detto...

Ciao, puoi contattarmi su handmade@alebuz.it  :)

utente anonimo ha detto...

Ciao! Senti, ma posso ugualmente lucidare i miei oggetti con uno smalto acrilico trasparente lucido, spray?! Perchè ho sentito dire che il Glanzlack dopo un pò tende a spellarsi.

utente anonimo ha detto...

AIUTO AIUTO AIUTO E' DA POCO CHE MI SONO INNAMORATA DEL FIMO HO PROVATO A FARE DELLE COSINE E DEVO DIRE CHE SONO VENUTE ANCHE MOLTO BENE , IL PROBLEMA E' CHE LE HO LUCIDATE CON UNA VERNICE LUCIDA PER IL DECOUPAGE MA SONO RIMASTI APPICCICATICCI,,,, COME MAI??? E POI QUANTO TEMPO DEVONO CUOCERE ESATTAMENTE NEL FORNO? GRAZIE PER LL'AIUTO E ....BUON ANNO A TUTTI

utente anonimo ha detto...

ciao, sono Eleonora! Si può utilizzare il forno normale, oppure, c'è bidogno del fornetto per forza?? Grazie!

utente anonimo ha detto...

Ciao, sono Eleonora. Si può utilizzare il forno normale o solo il fornetto?? Grazie !!

utente anonimo ha detto...

grazie delle informazioni sul fimo:si possono crare vari oggetti!da alessia

utente anonimo ha detto...

Ciao, ho da poco comprato del fimo ma non ho ancora provato a realizzare qualcosa.Sulle istruzioni c'è scritto di metterle in forno per 30min a 110gradi. Ma il forno deve essere preriscaldato? Come faccio a capire se sono pronti prima?E ultima domanda: è obbligatorio mettere il fimo liquido sulla giuntura?Grazie :D

alebuz76 ha detto...

il forno va preriscaldato per 3 - 4 minuti. Il fimo liquido nella giuntura del gancetto, come spiegato sul blog, è praticamente obbligatorio. :)

utente anonimo ha detto...

ciao volevo chiederti alcune cose... io col fimo ho praticamente appena cominciato e hoprovato le prime cotture nel forno...io l'ho cotto come c'è scritto sull'involucro a 110 gradi (effettivi) per 30 minuti.Le cose sono venute bene, i colori ook e tutto, ma non avendo mai toccato altri oggetti di fimo "finiti" non so se siano ben cotti..Cioè ti spiego, non diventa duro come diciamo ceramica, se provo con l'unghia a fare una scalfittura, l'unghia un pochino (pochissimo) entra... rimane un po' gommoso diciamo.Anche se provo a piegarlo specialmente lo cose sottilissime, si piega (con fatica) non spezzandosi di netto, ma come una cosa plastica e poi man mano fa delle crepe e quindi infine si rompe.Quando è così è ben cotto o deve cuocere a temperatura più alta? E se deve cuocere a temperatura più alta perchè sul panetto c'è scritto 110 gradi?Grazie!!!

utente anonimo ha detto...

Ciao.So che non riusciresti a rispondere tutti però volevo chiederti una cosa che ti è già stata chiesta ma che,giustamente,ti è sfuggita.Come faccio a capire quando il fimo è cotto?Se faccio un oggetto piccolo,come hai detto,la temperatura di cottura cambia.Come faccio a sapere quando sta per bruciare,quando è cotto o quando è ancora morbido?Grazie.

utente anonimo ha detto...

Dove trovo degli stampini minuscoli per fare le decorazioni?

utente anonimo ha detto...

ciao scusa per la banalissima domanda ma sono ancora inesperta!
 volevo sapere cosa bisogna utilizzare per cuocere il fimo.
mi spiego meglio: è meglio utilizzare una normalissima teglia oppure quelle di alluminio, la carta da forno????

ho paura che mi si attacchino

grazie

utente anonimo ha detto...

Ciao,
hai scritto sopra che compri la pasta modellabile su un sito in francia mi puoi dire dove??' sabrinaghio@libero.it

utente anonimo ha detto...

Ciao, ho letto che dopo aver messo i ganci metti un Po di fimo liquid, xche quello e non la colla? E poi xche con il fimo liquid non riesco proprio a fare lo strato di ..... Sai tipo il caramello sulla panna cotta, perdonami ma non mi viene il termine. Aspetto risposta e poi se non ti disturbo ho qualche altra domanda da farti. Saluti

utente anonimo ha detto...

scusa ma il fimo è gia colorato o lo domiamo colorare noi ?
 

utente anonimo ha detto...

ciao! volevo chiederti una cosa. ho iniziato a lavorare da poco cn il fimo e mi è successo ke qnd ho messo in forno la pasta color lilla mi è diventato scuro! cm il viola! vorrei sapere il perchè visto ke l ho lasciato cuocere x circa 6min a 120°!! 

utente anonimo ha detto...

Volevo dire ad alcune persone confuse che quando il fimo è cotto è molto duro, ho comprato un orsetto di fimo da una mia amica e quando mi è cascato a terra non si è fatto assolutamente nulla.. quindi io se fossi in voi alzerei i gradi del forno negli ultimi minuti :3 viva il fimo.

utente anonimo ha detto...

volevo rispondere a tutte queste persone sulla cottura..io uso il fimo da parecchio ormai..e se l'oggetto è grande o medio va cucinato per 30 min a 110 gradi(non di piu perk si brucia e si vede k si è bruciato perk diventa marrone e puzza e si buca tutto)..al 30esimo minuto tocchi l'oggetto se è ancora appena appena morbido lascialo dentro qualche altro minuto.
Per gli oggetti piccoli o fini io li tengo dentro 25 minuti a 110 gradi. LASCIATELI FREDDARE!!
quando sono ben cotti non sono in alcun modo modellabili..non rimangono segni se provate a fare pressione con le unghie.
e per la mia esperienza per lucidarli usare solo il lucido per il fimo..perchè gli altri smalti rimangono appiccicaticci e se toccate questi oggetti da "asciutti"rimangono li le vostre impronte..cosa k nn accade per il lucido del fimo.(non so ki aveva detto k nn sapeva come salvare un oggetto k aveva lucidato con un altro smalto..basta k passi sopra il lucido giusto..)
spero di avervi fatto chiarezza.
ah e la ragazza k dice k il lilla è diventato viola: in linea di massima i colori del fimo da cotti sono appena piu intensi che da "crudi"se da lilla è diventato viola scuro è perchè si stava iniziando a bruciare credo..

utente anonimo ha detto...

ciao scusami e nel fornetto piccolo invece mi dici i gradi per i piccoli lavori e i gradi x i grandi? ciao grazie!!!

utente anonimo ha detto...

Ciao! Ho visto che hai fatto dei bottoni con il fimo... è un sacco che voglio provare a farli per i grembiulini dei miei bimbi ma mi sono sempre chiesta se resiistono alla lavatrice...
i grembiuli sono bianchi e la lavatrice nuova, non vorrei combinare un guaio..
Che no pensi?
ciao!

utente anonimo ha detto...

Ciao scusami, anch'io mi sono appena avvicinata a questa passione e volevo chiederti una cosa. Ho visto che utilizzi, come ripiano, una lastra di plastica... cos'é esattamente e dove l'hai presa? Io ho provato col tappetino che vendono della stamperia, la pasta non attacca ma rimangono residui che sporcano le lavorazioni successive alla prima. Ho provato con una lastra di plexiglass trasparente, ma il fimo si attacca. La base ottimale è la mia scrivania di formica, ma ho paura di rovinarla con l'andare del tempo. Mi puoi consigliare per favore? Grazie e complimenti per i tuoi capolavori. Cri

utente anonimo ha detto...

Ciao...scusa dove posso trovare i gancetti per gli orecchini?!!

utente anonimo ha detto...

allora volevo sapere se dovevo usare lo stesso forno dove cucinare...

utente anonimo ha detto...

Ciao scusami, ma il gancetto nelle creazioni in fimo si mette prima o dopo della cottura? grazie mille

utente anonimo ha detto...

si puo  mettere il fimo   per farlo   cotto al sole invece   di metterlo al forno  

utente anonimo ha detto...

molto bello il tuo blog, ho visto che lavori moooooooooooolto bene il fimo vorrei scambiare opinioni con te anche io ho un blog, se vuoi vallo a vedere:http://www.magicibijoux.blogspot.com
spero di rivederti presto!
ciauuu 

utente anonimo ha detto...

MA é NORMALE SE IL FIMO UNA VOLTA LAVORATO...QUANDO GLI DAI LA FORMA SI SPEZZA???  (lo volevo utilizzare per i dolcettI!!)

utente anonimo ha detto...

molto interessante vorrei un informazione tutti gli attrezzi dove li posso trovare? Ciao!

utente anonimo ha detto...

ciao volevo sapere la vernice sul fimo si passa prima o dopo averli cotti in forno???

utente anonimo ha detto...

ciao....da poco sto lavorando cn il fimo e volevo sapere se sai dv si posso acquista delle formine...tipo cuoricini, stelline ecc...io sono di napoli però nn so dv rivolgermi :(

utente anonimo ha detto...

Ciao..volevo chiederti una cosina,a me è capitato che facendo dei ciondoli in fimo più fini,comelettere,una chiave di violino,che sono più fine rispetto a palline,biscotti ecc., si spezzano..è dovuto alla lavorazione,alla cottura o è normale che le cose fine si spezzino?grazie mille XD

utente anonimo ha detto...

ciao... sono Angela... se puoi rispondermi alla mia emai grazie... angeluccia89@live.it      volevo sapere se il fimo lo si decora cn gli acrilici prima o dopo averlo infornato... grazie mille...

utente anonimo ha detto...

ciao ! qualcuno mi sa dire se serve per forza n fornetto elettrico oppure se va bene il forno comune? il mio è a gas ...
grazie mille!
ciao!

utente anonimo ha detto...

ciao è normale che quando lo tagli il fimo si spezza???
ed è normale che non si lavora facilmente???
 grazie

utente anonimo ha detto...

ciao ank io avrei delle domande ..mi contatti qui saraf.87@live.it....e andate a visitare il  mio blog http://hobbyefantasia.blogspot.com/ 

BUZ ha detto...

Ho visto che il mio articolo è strazeppo di domande non risposta. In questi giorni cercherò di aggiornarlo e rispondere dettagliatament e a tutti :) Purtroppo con il cambio piattaforma è stato un bel problema tenere aggiornato il blog... GRAZIE

Silvietta ha detto...

Ciao.
E' da un po' che faccio creazioni in fimo e sto diventando bravina. L'unica pecca è che quando ho finito di cuocere le crazioni,mentre do (con tantissima delicatezza) il lucido o anche solamente prendendole in mano,si spezzano nelle parti in cui ho legato due elementi. Io ci emtto l'attack ma vorrei smettere con questa tiritera. Secondo te perchè si spezzano? Come faccio a impedire ciò?

Claudia Riv ha detto...

Ciao,
Grazie per i trucci e le spiegazioni, mi domandavo se faccio una fatina e voglio tipo collana, dovrei mettere il chiodino nel lavoro crudo? e se è si....non cambia colore il chiodino con il caldo? o devo aggiungerlo dopo (penso che si dovrebbe fare un bucchino in modo da metterlo dopo incollandolo?
Quali sono gli step giusti?
grazie

Letramecrochet Letramecrochet ha detto...

Ciao, ho una domanda da farti...in rete trovo molte idee di fimo con la scrittura in corsivo...ma come si fa? E poi, un altra domanda, se io volessi disegnare su un pezzo di fimo degli sposi ad esempio, tipo targhetta come fare?? Grazie in anticipo

Posta un commento